*icons0_**11_icons***11_icons11_icons***__icons****11_icons****download**icone-connectus*icone-connectusicone-connectus*icone-connectus0_icone-connectusicone-connectus11_iconsicone-connectusicone-connectusicone-connectusicone-connectusicone-connectus0_iconsicone-connectus0_icone-connectusmessage*11_icons11_iconsicone-connectus11_icons11_iconsicone-connectusicone-connectus0_****plus**icone-connectusriskHighriskHighestriskLowriskMediumriskMediumHighriskVeryLowsave*__icons11_icons***0_*__icons0_**11_icons11_icons**

Trend del Commercio Globale

Grandi aspettative per l’andamento del commercio mondiale nel 2018

Image not available

04/02/2018

#studi

Si prevede un'ottima annata per l'export italiano

Si prevede che il volume degli scambi aumenterà del 4,3% nel 2017 e del 3,9% nel 2018, mentre il loro valore economico crescerà rispettivamente nei due anni del 7,5 e del 6,3%. A destare qualche preoccupazione solo tre fattori: il crescente protezionismo commerciale (soprattutto made in USA), la scarsa fluidità dei flussi finanziari e le tensioni geopolitiche.
Bene l’export italiano, per cui sembra che il 2018 sarà un anno sensazionale: le vendite di beni e servizi all’estero dovrebbero crescere di 33 miliardi. I tre settori trainanti saranno la meccanica (+6,9 miliardi di euro), i prodotti chimici (+4,6 miliardi di euro) e il tessile (+3,3 miliardi di euro). L’ampia domanda sarà generata soprattutto da quei paesi considerati da sempre i principali importatori di prodotti italiani, ovvero Germania, Spagna, Regno Unito e Francia (il 30% dell’esportazioni italiane viene assorbito solo da questi ultimi). Anche gli Stati Uniti, dove viene acquistato il 30% dei beni finali consumati a livello globale, continueranno a chiedere prodotti made in Italy.
I dati, elaborati dall’Ufficio Studi di Euler Hermes, sono contenuti nel terzo “Prospetto del commercio globale” dal titolo “Game of Trade: Unbowed, Unbent, Unbroken?

 

Compila il form e rimani informato su notizie, iniziative ed eventi di Euler Hermes Italia

Numero verde