*icons0_**11_icons***11_icons11_icons***__icons****11_icons****download**icone-connectus*icone-connectusicone-connectus*icone-connectus0_icone-connectusicone-connectus11_iconsicone-connectusicone-connectusicone-connectusicone-connectusicone-connectus0_iconsicone-connectus0_icone-connectusmessage*11_icons11_iconsicone-connectus11_icons11_iconsicone-connectusicone-connectus0_****plus**icone-connectusriskHighriskHighestriskLowriskMediumriskMediumHighriskVeryLowsave*__icons11_icons***0_*__icons0_**11_icons11_icons**

Industry Report Abbigliamento e Tessile

Crescita lenta e profittabilità in miglioramento

Image not available

30/10/2017

#studi

Industria a due velocità

L’industria tessile rappresenta un fiore all’occhiello del Made in Italy con numerose eccellenze a livello internazionale. L’Italia è infatti il terzo esportatore mondiale nel settore tessile e abbigliamento dopo Cina e Germania, e genera un surplus della bilancia commerciale secondo soltanto a quello della meccanica.

Il comparto rappresenta inoltre poco meno del 10% della produzione manifatturiera nazionale contribuendo per il 4% alla crescita del PIL.

A queste importanti cifre dimensionali si affianca un trend complessivo stagnante a causa di problematiche di non facile soluzione. Da una parte bisogna registrare la concorrenza dei Paesi emergenti nella fascia bassa di prodotto, soprattutto nei tessuti e filati, dove il fattore costi è l’elemento rilevante e differenziante.

La fascia alta, invece, si difende meglio grazie al design e al potere attrattivo dei marchi, ma è presa di mira dalla contraffazione che sottrae grosse fette di fatturato, specie nel canale distributivo del commercio ambulante e in Internet.

 

 

Abstract
Scarica la versione sintetica del report
Image not available
Report completo
Iscriviti per ricevere la versione completa
Image not available

Compila il form e rimani informato su notizie, iniziative ed eventi di Euler Hermes Italia

Numero verde